Traduzione

martedì 29 maggio 2012

Tortelli Rosa

Domenica avevo ospiti mio padre e mia sorella a pranzo.
Ho preparato i tortelli di rape e un mix di formaggi da mangiare con delle marmellatine biologiche che mi sono state regalate da due amiche qualche tempo fa..
Come dolce una crema di riso con fragole, Tahin e malto di riso...un esperimento.
Discreto, niente di speciale.
Il tortelli invece erano buoni.
Li faccio ormai da qualche anno, quando nell’orto d mio padre ci sono le rape rosse, e la ricetta è inventata anche se ho preso spunto da quelli classici alle erbe.
La ricetta che ho sperimentato è questa.



Per la pasta
400 gr di farina
50 gr di rapa rossa
2 uova
acqua q.b.
olio extra vergine q.b.
Per il ripieno
200 gr di patate
50 gr di rapa rossa
1 tuorlo d’uovo
100 gr di parmigiano reggiano
100 gr di ricotta
sale e noce moscata q.b.
Per la pasta frullate la rapa con un mixer aiutandovi con un po’ di acqua e quando è ridotta in poltiglia unite la farina e le uova e impastate fino a raggiungere una consistenza compatta ed elastica.
Potete aggiungere un po’ di olio.
Per il ripieno frullate o passate con il passaverdure le patate e la rapa fino ad ottenere un composto omogeneo, unite il tuorlo, il parmigiano reggiano, il sale e la ricotta.
Mescolare bene ma con delicatezza.
Procedere come con i tortelli classici, tirando la sfoglia e riempiendola con il ripieno.
Cuocere poi in acqua bollente salata per una decina di minuti o poco più, anche a seconda dello spessore di cui avete fatto la pasta.
Cuocendo scoloriscono un po', ma restano comunque rosa.
Condire con burro e parmigiano reggiano.
I detesto le rape rosse, fatico anche a sentirne l’odore mentre le cucino, ma adoro questi tortelli!
Sono buonissimi...


E’ stata una bella giornata e finalmente il tempo è stato clemente.





Giada ha giocato tantissimo.
Quando c’è mia sorella da sempre il meglio di sé, ma non appena gli ospiti se ne sono andati, ormai alle 17,00, ha chiesto di vedere un cartone animato, si è messa seduta, io sono andata un secondo in cucina e quando sono tornata lei era caduta in un sonno profondo.





Su questi tortelli ho un aneddoto di qualche mese fa.
Li stavo preparando mentre Giada era con me in salotto e un po' giocava un po' guardava la tv.
Mi ero organizzata per cucinare e tenerla comunque d'occhio tirando la pasta in cucina e depositando i tortelli finiti ad asciugare in sala, sul tavolo.
E così andavo avanti e indietro tra sala e cucina.
Ne avevo già fatti circa una ventina quando, tornando dalla cucina verso la sala, mi sono accorta che dei trenta tortelli che avevo già fatto ne erano rimasti sul tavolo circa cinque.
Un po’ perplessa mi sono guardata intorno e voltandomi verso il divano la scena davanti ai miei occhi è stata apocalittica.
I tortelli mancanti erano stati presi da Giada e letteralmente spalmati sul divano.
E in una frazione di secondo il pensiero è andato al mio divano di pelle color avorio e ai pigmenti rosso sangue della rapa, e mi sono vista in un futuro immediato e duraturo a convivere con un divano maculato bianco e rosso.
A quel punto un atavico istinto barbarico si è impossessato di me, ho preso Giada, le ho dato una strigliata come forse mai successo prima e le ho intimato di andare a sedersi sulla scala e di non proferire più parola.
Lei era piuttosto scossa e mi ha obbedito subito, ma singhiozzava e mentre le scendevano due lacrimone giganti ha detto: “Asilo...asilo”.
Come non sciogliersi a fronte di tanta disperazione?!
L'asilo meglio della mamma?!
Senso di colpa, baci e abbracci.
Abbiamo quindi fatto pace subito e fortunatamente il divano non è rimasto macchiato.
Quando il giorno dopo mi sono rimessa a finire il lavoro interrotto lei si è avvicinata e mi ha chiesto: “Cosa fai mamma”?
“I tortelli”, le ho detto con tono un po’ secco.
E lei ha risposto: ”Io no”.
Già, meglio di no.
Le maestre all’asilo si sono ovviamente sbellicate dalle risate.


Questo post partecipa al Linky Party di Topogina a tema "Piccole chef sperimentano".

17 commenti:

  1. non li avevo mai visti rosa!!!sembrano buoni..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piacciono davvero tanto, poi sono divertenti da fare e fanno molto effetto se si vuole fare un menù un po' diverso dal solito!
      Un sorriso senza gatto
      Blu

      Elimina
  2. Sono tutte pietanze belle da vedere e sembrano tanto buone, miam! interessanti i tortelli, da provare!
    Immagino i tortelli spalmati sul divano...io per precauzione ho comprato un tessuto simile alla fodera del divano (bianco)e l'ho messo sui divani...meno male, tra manine impasticciate e disegni a matita ovunque il mio divano sarebbe diventata un'acchiappacolori! Brava Giada comunque, ha imparato la lezione"io no..." che ridere!
    Mariana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il plaid che avevo comprato e destinato a protezione del divano Giada lo usa avvolgendoselo addosso, lasciando una lunga coda tipo strascico ai suoi piedi e dicendo che lei è Rapunzel!
      Forse sarà meglio comprarne un'altro?!!!
      Un sorriso senza gatto
      Blu

      Elimina
  3. Si presentano molto bene questi tortelli!
    Giada è simpaticissima, con i bambini basta un attimo e ZAC te la fanno sotto il naso.
    un bacio a te e alla piccola.
    Sabrina

    RispondiElimina
  4. Ho dimenticato di chiederti una cosa importante: com'è lì da te la situazione? Hai avuto problemi per il terremoto?
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qui tutto bene per fortuna, ma a pochi chilometri le scosse si sono sentite molto forti e le persone sono spaventate e scosse.
      Speriamo smetta presto non faccia più danni...
      Grazie
      Blu

      Elimina
  5. Che bella ricetta! Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simpatica vero?!...a me piacciono le cose un po' "matte"!!
      Un sorriso senza gatto
      Blu

      Elimina
  6. ciao, approfitto del tuo spazio dato che parli di formaggi per lanciare un appello: Alcuni caseifici danneggiati dal sisma si sono attivati per la vendita diretta di prodotto per far fronte ai danni subiti (naturalmente non li possono vendere tramite la grande distribuzione). Chi ama il formaggio lo compri da lì!!
    https://www.facebook.com/notes/parmigiano-reggiano/terremoto-aggiornamenti-sulla-situazione/204716639552975
    http://www.parmigiano-reggiano.it/news/2012/domande_risposte_caseifici_colpiti_sisma.aspx
    m.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona idea!
      Grazie per averlo segnalato...un abbraccio!
      M.

      Elimina
  7. wow Blu... sono proprio rosa, che belli!!
    Non ho mai mangiato le rape!!

    RispondiElimina
  8. ...mangiate così non te le consiglio proprio!!! sono dolci...io non le sopporto!
    Però i tortelli sono buoni e molto d'effetto a tavola!
    Un sorriso senza gatto
    Blu

    RispondiElimina
  9. Quante cose mi sono persa...perdonami, ma tra recita e gita di fine anno, riunione con nuove mamme...ho avuto proprio poco tempo
    Complimenti per tutto!
    E' sempre un piacere visitare il tuo blog
    a presto...lo prometto
    Maestra Valentina

    RispondiElimina
  10. Gnam Gnam! che belli! devono essere anche buonissimi!
    fantastico l'aneddoto dell'anno prima, mi sto ancora rotolando dalle risate!!!
    Attenta o ti chiama il telefono Azzurro!
    Smack buon we! ciao Anna

    RispondiElimina
  11. Per quanto mi riguarda, ricetta impegnativa ma chissà... Le tue indicazioni molto chiare sembrano renderla possibile anche per me!
    Ciao,
    Paola

    RispondiElimina
  12. Il loro colore è sicuramente molto suggestivo... Per la bimba, invece, credo siano cose che capitino... Ps ho dato un'occhiata veloce al tuo blog, mi piace! Nuova follower!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...